Gruppo Ciesse Brescia | Finanza agevolata, Contributi, Privacy

DECRETO CURA ITALIA " FONDO CENTRALE DI GARANZIA"

Per la durata di 9 mesi dall’entrata in vigore del Decreto Cura Italia, con dotazione finanziaria di € 1.500 mln per l’anno 2020 ed in deroga alle vigenti disposizioni, si applicano le seguenti misure a favore delle PMI, inclusi i settori Agricoltura e Pesca:

a.La Garanzia è concessa a titolo gratuito;
b.L’importo massimo garantito per singola impresa è elevato 5 milioni di euro;
c.Innalzamento fino all'80% della garanzia del Fondo fino ad un massimo garantito di 1.500.000 per singola impresa ed innalzamento al 90% dell’importo garantito dal Confidi o da altro fondo di garanzia, per gli interventi di riassicurazione, a condizione che le garanzie da questi rilasciate non superino la percentuale massima di copertura dell'80% e per un importo massimo garantito per singola impresa di 1.500.000 euro;
d.Ammissibilità alla garanzia per operazioni di rinegoziazione del debito, purché il nuovo finanziamento preveda l'erogazione al medesimo soggetto beneficiario di credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 10 % dell'importo del debito residuo in essere;
e.Possibilità, per le Amministrazioni e i soggetti titolari di Sezioni speciali del Fondo, di assicurare il loro apporto per innalzare la percentuale massima garantita fino all’80% in garanzia diretta e al 90% in riassicurazione;
f.Estensione della Garanzia anche a chi ha beneficiato della sospensione delle rate di ammortamento o della sola quota capitale;
g.L’accesso al Fondo viene valutato esclusivamente sul modulo economico finanziario, ammettendo così anche le imprese che registrano tensioni con il sistema finanziario in ragione della crisi epidemiologica. Restano escluse le imprese classificate con «sofferenze», «inadempienze probabili» e «in difficoltà»;
h.Eliminazione della commissione di mancato perfezionamento per le operazioni al sotto della soglia fisiologica di operazioni deliberate e non perfezionate;
i.Possibilità di cumulo con altre forme di garanzia (anche ipotecarie) per le operazioni di investimento immobiliare con durata minima di 10 anni e di importo superiore a € 500.000,00;
j.Lo spessore della tranche junior garantita di portafogli destinati ad imprese/settori/filiere maggiormente danneggiati dall’epidemia, può essere elevata del 50%, ulteriormente incrementabile del 20% se intervengono ulteriori garanti;
k.Ammissibilità a garanzia, con copertura dell’80% in garanzia diretta e 90% in riassicurazione, dei nuovi finanziamenti inferiori a 18 mesi e non superiori a € 3.000,00 concessi a favore di persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni la cui attività è stata danneggiata dall’emergenza;
l.Possibilità di istituire sezioni speciali del Fondo per sostenere l’accesso al credito di determinati settori;
m.Proroga per 3 mesi di tutti i termini degli adempimenti amministrativi relativi ad operazioni assistite dal Fondo.

Inoltre sono previste:

a.Estensione della facoltà anche a soggetti privati di contribuire ad incrementare la dotazione del Fondo PMI;
b.Estensione fino all’85% del Fondo per garanzie di portafoglio e portafoglio di minibond;
c.Beneficio a titolo gratuito e nella misura massima dell’80% del finanziamento per operatori del microcredito PMI relativamente alle nuove imprese o attive da non oltre 3 anni;
d.Possibilità di elevare la percentuale massima della garanzia per nuove operazioni rientranti nelle sezioni speciali del Fondo.

News